Il CBD ha quasi dimezzato le crisi epilettiche in una rara forma di epilessia infantile

Una riduzione media del 42% del numero di crisi epilettiche in un mese di somministrazione di CBD in bambini affetti dalla sindrome di Lennox-Gastaut. E’ il risultato di uno studio giunto alla fase 3 creato dalla GW Pharmaceuticals, l’azienda che ha creato l’Epidiolex, un farmaco liquido che può essere somministrato per via orale con una siringa contagocce. Secondo la società il farmaco contiene più del 98% di CBD, insieme a tracce di altri cannabinoidi. Inoltre è privo di THC e quindi non può causare il tipico sballo della marijuana nei futuri giovani pazienti.

Nella fase 3 dello studio clinico in corso è stato sperimentato su 225 bambini affetti dalla sindrome di Lennox-Gastaut, una rara forma di epilessia. Oltre ai farmaci che già ricevevano nello studio sono stati somministrati 20mg per chilogrammo al giorno a 76 pazienti, 10 mg per chilogrammo al giorno ad altri 73 ed un placebo ai restanti 76.

Nei bambini che hanno ricevuto la dose più alta di Epidiolex è stata registrata una diminuzione delle crisi epilettiche in media del 42%  paragonata al 17% di coloro che hanno assunto il placebo. Quelli che hanno assunto la dose minore hanno fatto registrare un calo medio delle crisi epilettiche del 37%.

“L’esito positivo in questo studio clinico con l’Epidiolex nei pazienti affetti da sindrome di Lennox-Gastaut dimostra l’efficacia di questo prodotto in questa patologia particolarmente difficile da trattare”, ha dichiarato il dottor Orrin Devinsky della New York University Langone medical center e principale ricercatore del progetto.

A marzo erano stati pubblicati i risultati di un altro studio, sempre con l’epidiolex, ma nella sindrome di Dravet, altra grave forma di epilessia infantile. In un comunicato pubblicato dalla stessa azienda si può leggere che la fase 3 dello studio pilota è stata conclusa positivamente. Nella fase 3 sono stati coinvolti 120 bambini affetti da sindrome di Dravet dei quali 61 trattati con Epidiolex e 59 con placebo, continuando a ricevere i farmaci anti-epilettici (AED) prescritti. I pazienti che hanno preso l’Epidiolex hanno fatto registrare una diminuzione media delle crisi epilettiche del 39% rispetto al 13% del placebo.

Mentre secondo uno studio retrospettivo pubblicato su Seizure a marzo, il 90% dei bambini affetti da epilessia resistente ai farmaci ai quali è stata somministrata cannabis ad alto valore di CBD, ha registrato una diminuzione di frequenza ed intensità delle crisi epilettiche.

 

da: cannabisterapeutica.info

Precedente La famiglia dei Rothschild dichiara guerra agli indigeni Successivo “Che cosa c’è nel pane che mangiamo”? Nel Centro Nord c’è da rabbrividire. E nel Sud e in Sicilia?