La Bolivia espelle Coca-Cola e McDonalds: “Un piccolo passo per l’uomo, un balzo gigantesco per l’umanità”

Il governo boliviano ha deciso di porre fine alle operazioni di Coca Cola e Mc Donald nel paese a partire dal prossimo 21 dicembre per preservare la loro cultura e la salute.

screenshot_2016-11-03-20-20-54

Il ministro degli Esteri boliviano David Choquehuanca ha detto che entro la fine dell’anno le operazioni economiche in Bolivia delle multinazionali statunitensi di soft drink e cibo spazzatura finiranno: “in sintonia con il calendario Maya e farà parte dei festeggiamenti per la fine del capitalismo e l’inizio una cultura della vita”.

Sarà “la fine dell’egoismo e della divisione. Il 21 dicembre deve essere la fine della Coca Cola e l’inizio della ‘mocochinche‘. I pianeti sono allineati dopo 26.000 anni, è la fine del capitalismo e l’inizio del comunitarismo”, ha detto il funzionario del presidente Evo Morales, secondo Telesur.

Il motivo per l’espulsione dalla Bolivia  della coca-cola è che il suo contenuto dannoso per la salute potrebbe portare ad attacchi di cuore, al cancro e ictus.

Per quanto riguarda il fast food in franchising McDonald, la Bolivia è stato il primo paese al mondo in cui gigante ha fallito nel tentativo di stabilirsi e adattarsi alla cultura alimentare locale. Dopo 14 anni di attività inutili, l’azienda è fallita e ha ritirato le filiali boliviane, i suoi dirigenti sono rimasti scioccati con il fallimento.

 

Tradotto da: La verità di Ninco Nanco

Fonte originale: todocurioso.net

 

Precedente “VIDEO” Franco Berrino: Osteoporosi, evitate il latte e i formaggi, fanno più male che bene! Successivo Chiesa cattolica dona $ 850.000 per fermare la legalizzazione della marijuana