Il biologico cinese nei nostri supermercati! Come riconoscere un prodotto NON europeo

Sapevamo che molte aziende italiane acquistassero prodotti cinesi, ma non che riguardassero anche il biologico. Come evitarli?!

Il biologico cinese rispetto ai prodotti certificati Ue venduti nei supermercati italiani? Non è una novità, il fatto che molti prodotti nei supermercati siano di fattura cinese. Basta osservare l’etichetta del prodotto per notare che tantissimi prodotti provengono appunto dalla Cina. Molte aziende italiane, infatti, acquistano grassi vegetali e olio di semi cinesi per trattare i loro prodotti. A fare scalpore, però, sono i prodotti biologici cinesi presenti nei nostri supermercati.

 

Perché evitarli?

Prima di tutto perché la Cina è tra le nazioni più inquinanti, ma soprattutto perché le norme di Sicurezza Alimentare sono completamente diverse rispetto a quelle europee. In Italia e in Europa sono vietati fertilizzanti, erbicidi e pesticidi che sono consentiti in Cina. E’ vero che, alle frontiere non è effettuata nessuna analisi e nessun controllo, ma si accetta la documentazione fornita. Nonostante questo, la Cina sta diventando il più grande mercato biologico del mondo.

 

Prodotti

La farina di mais Bramati a marchio Conad.

farina-di-mais

La Conad ha comunicato di aver ritirato dal mercato la farina di mais Bramati a marchio Conad. Il lotto, a cui ci si riferisce dovrebbe scadere il 28/08/2018. In un comunicato pubblicato sul sito internet dell’azienda, Conad spiega che “e’ stata riscontrata una non conformita’ (presenza di microtossina in quantita’ minima ma lievemente superiore ai parametri stabiliti)”. Le sostanze a cui ci si riferisce riguarda funghi patogeni, che producono effetti tossici cronici e acuti nell’uomo. Per questo e “al fine di scongiurare qualsiasi possibile rischio per la Salute“, Conad invita “i clienti che fossero in possesso di confezioni appartenenti al medesimo lotto” a riportarle “in qualsiasi punto di vendita Conad, che provvedera’ alla sostituzione con altro prodotto o al rimborso“.

Se pensi che i prodotti cinesi siano una rarità al supermercato purtroppo ti sbagli di grosso. ATTENTI ALL’ETICHETTA

Screenshot_2016-09-27-20-32-13

Precedente Renzi ci riprova: “il ponte sullo stretto può creare 100.000 posti di lavoro” Successivo Aumento costi conto corrente: Le banche vogliono i soldi per aver sbagliato! Ribellatevi, non abbassate la testa!