Agente CIA confessa sul letto di morte: “Ho fatto parte di una squadra per Uccidere ‘John F. Kennedy”

A cura di La Verità di Ninco Nanco

In “letto di morte la confessione“… il nastro audio in cui l’ex agente della CIA  e del Watergate cospiratore, E. Howard Hunt, ammette che è stato avvicinato per far parte di una squadra di assassinio della CIA per uccidere JFK è stato mandato in onda in questo fine settimana – uno sviluppo sorprendente che è andato completamente ignorato dai media dell’establishment.

Saint John Hunt, figlio di E. Howard Hunt, è apparso sulla diffusione nazionale Coast to Coast in diretta radio show per discutere le rivelazioni contenute nel nastro.

Hunt ha detto che il padre aveva inviato la cassetta per lui solo nel gennaio 2004 chiedendo che fosse rilasciata solo dopo la sua morte. Il nastro originariamente durava 20 minuti, ma è stato tagliato e ridotto a quattro minuti dalla trasmissione Coast to Coast. Hunt promette che l’intero nastro verrà inserito a breve al suo sito web.

 

Video:

 

E. Howard Hunt rilascia diversi nomi con collegamenti diretti e indiretti alla CIA che hanno giocato un ruolo nell’assassinio di Kennedy, mentre descrive se stesso come un “panchinaro” nella trama. Saint John Hunt ha dichiarato che l’uso di questo termine indica che Hunt ( il padre) era disposto a giocare se necessario, un ruolo più importante nella cospirazione dell’omicidio.

Hunt sostiene che sul nastro anche il vicepresidente Lyndon B. Johnson è stato coinvolto nella pianificazione dell’assassinio e il cover-up, affermando che LBJ, “Aveva un bisogno quasi maniacale di diventare presidente, egli considerava JFK come un ostacolo al suo raggiungimento.”

Alla domanda se il padre ha seguito le teorie del complotto per l’assassinio di Kennedy, Saint John  ha detto che l’anziano Hunt aveva fatto seguire il lavoro di AJ Weberman, uno scrittore freelance di New York, che nei primi anni ’70 accusò lo stesso Hunt di essere uno dei tre barboni che furono arrestati nella Dealey Plaza (dove venne assassinato Kennedy). I cosiddetti barboni sono stati interrogati e poi rilasciati dalle autorità poco dopo l’assassinio. Weberman, uno dei fondatori del Partito Internazionale della Gioventù, il Vippies, ha pubblicato le fotografie dei vagabondi e ha scoperto che due di loro portava impressionanti similitudini con Hunt e Frank Sturgis, quest’ultimo nominato anche da Hunt nel nastro.

Chiedendo il suo parere sul fatto che suo padre fosse infatti uno dei vagabondi Dealey Plaza, Saint John, in una splendida rivelazione, ha detto che uno dei barboni in effetti sembrava proprio come suo padre.

 

Sorprendente somiglianza agente della CIA Frank Stugis ‘a uno dei “vagabondi”.

Saint John Hunt ha detto che poco prima di morire, il padre si era sentito “profondamente in conflitto e profondamente pentito” di non aver fatto una soffiata sulla trama per prevenire l’assassinio, ma tutti nel governo odiavano Kennedy e lo volevano fuori in un modo o nell’altro.

A cura di La verità di Ninco Nanco

Fonti:

maryferrell.org

anonews.co

wikipedia.org

Precedente Il discorso proibito di Hugo Chavez alla conferenza COP15 Successivo Gino Strada: ”No alla sanità privata, è uno schifo trarre profitto dal dolore”. VIDEO