300.000 bambini rubati dalla Chiesa cattolica in collusione con il Governo spagnolo

Fino a 300.000 bambini spagnoli sono stati rubati ai loro genitori e venduti per l’adozione in un periodo di cinque decenni, una nuova indagine lo rivela.

I bambini sono stati vittime del traffico da una rete segreta di medici, infermieri, sacerdoti e suore in una pratica diffusa che ha avuto inizio durante la dittatura del generale Franco e continuò fino ai primi anni Novanta. Centinaia di famiglie che avevano bambini in ospedali spagnoli sono ora in lotta per un’indagine ufficiale del governo sullo scandalo. Molte madri affermano che a loro è stato detto che i primogeniti erano morti durante o subito dopo che erano venuti alla luce. Ma le donne, spesso giovani e non sposate hanno affermato che non potevano vedere il corpo del bambino o partecipare alla sua sepoltura. In realtà, i bambini sono stati venduti a coppie senza figli, devoti la cui fede e la sicurezza finanziaria ha fatto sì che erano visti come i genitori più appropriati. I documenti ufficiali sono stati falsificati così i nomi dei neonati’ sui certificati di nascita erano dei genitori adottivi. In molti casi si ritiene non erano a conoscenza che il bambino ricevuto fosse rubato, come al solito hanno raccontato che la madre di nascita lo aveva abbandonato.

La giornalista Katya Adler, che ha indagato sullo scandalo, dice: la situazione è incredibilmente triste per migliaia di persone. “Ci sono uomini e donne in tutta la Spagna la cui vita è stata rovesciata scoprendo che le persone pensavano fossero i loro genitori in realtà li avevano comprati per contanti”. Ci sono anche molte madri che hanno dichiarato per anni che i loro bambini non sono morti – e sono state etichettate come “isteriche”. Ma stanno ora scoprendo che il loro bambino è probabilmente vivo e allevato da qualcun altro per tutto questo tempo. Esperti credono che i casi possano rappresentare fino al 15 per cento del totale delle adozioni che hanno avuto luogo in Spagna tra il 1960 e il 1989. E’ iniziato come un sistema per prendere i bambini e allontanarli dalle famiglie ritenute politicamente pericolose per il regime del generale Franco, che ha avuto inizio nel 1939. Il sistema ha continuato dopo la morte del dittatore nel 1975 e la chiesa cattolica ha continuato a mantenere una forte influenza sulla vita pubblica, in particolare nei servizi sociali. Dal 1987 il governo spagnolo, invece di ospedali, ha cominciato a regolare le adozioni. Lo scandalo è venuto alla luce dopo che due uomini, Antonio Barroso, e Juan Luis Moreno, hanno scoperto d’essere stati rubati da piccoli. Il padre del Signor Moreno sul letto di morte confessò di averlo comprato come un bambino da un sacerdote a Saragozza nel nord della Spagna. Egli disse a suo figlio che era stato accompagnato nel viaggio dai genitori di Barroso, dai quali era stato acquistato Antonio, allo stesso tempo per 200.000 pesetas – una somma enorme all’epoca. “Questo era il prezzo di un appartamento di allora”, ha affermato Barroso. “I miei genitori lo pagarono a rate nel corso di dieci anni perché non avevano abbastanza soldi”. Test del DNA hanno dimostrato che la coppia che lo portò fino a Barroso non erano i suoi genitori biologici e la suora che lo aveva venduto ha ammesso di averlo fatto. Quando il caso della coppia è stato pubblicato, ciò ha indotto le madri in tutto il paese di presentare le proprie esperienze quando si sentirono dire che i loro bambini erano morti, ma mai creduti morti. Una di queste donne era Pagador Manoli, che ha iniziato la ricerca di suo figlio.

Un documentario della BBC, “This World: Spain’s Stolen Babies”, segue i suoi sforzi per scoprire se Randy Ryder sia un bambino rubato cresciuto in Texas ed è ora di 40 anni. In alcuni casi, le tombe dei bambini che sono stati esumati, rivelavano le ossa che appartenevano agli adulti o animali. Alcune delle tombe contenevano nulla. Il documentario della BBC è dotato di un colloquio con una donna di 89 anni di nome Ines Perez, la quale ha ammesso che un sacerdote l’ha invitata a simulare una gravidanza in modo che a le si potesse dare una bambina che doveva nascere a Madrid, nella clinica San Ramon, 1969. “Il prete mi ha dato imbottiture da indossare sul mio stomaco, afferma. Si sostiene che la clinica di San Ramon sia stata una dei maggiori centri per la pratica. Molte madri che hanno partorito lì sostengono che quando hanno chiesto di vedere il loro bambino dopo che fu detto loro morto, fu mostrato il cadavere di un bambino che sembrava essere freddo. Il programma della BBC mostra le fotografie scattate negli anni Ottanta di un bambino morto conservato in un congelatore, presumibilmente usato da mostrare a madri in lutto. Nonostante le centinaia di famiglie di bambini scomparsi negli ospedali spagnoli chiedano al governo di aprire un’inchiesta coordinata sullo scandalo, non ha avuto luogo a livello nazionale. Come risultato di leggi d’amnistia approvate dopo la morte di Franco, i crimini che hanno avuto luogo durante il suo regime di solito non sono esaminati. Invece, i procuratori regionali in tutto il paese stanno indagando ogni storia, caso per caso, con 900 attualmente in fase di revisione. Ma la signora Adler dice: la volontà politica di andare a fondo della situazione è molto scarsa.”Si ritiene che migliaia di casi non verranno mai alla luce perché i bambini rubati avrebbero paura dei loro genitori adottivi visti come criminali”. Molte delle famiglie di bambini rubati si sono sottoposti al test del DNA nella speranza di poter finalmente essere abbinati con i loro figli. Alcuni coordinamenti e data base sono già stati avviati e realizzati, ma, senza un coordinamento a livello nazionale del database, il ricongiungimento dei parenti persi sarà un processo molto difficile.

da cieliparalleli

Precedente La valvola antisismica di Pier Luigi Ighina: è in “test” a Reggio Calabria, basterà per evitare i terremoti? Successivo I frutti dimenticati delle regioni italiane che abbatteranno le multinazionali