10 invenzioni “moderne” nate nell’Antico Egitto

 

Dalla cosmesi alla catena di montaggio, 10 scoperte di grande utilità per le quali dobbiamo ringraziare il popolo delle piramidi.

IL MAKE UP. Non sarà un’invenzione epocale come quella della ruota, ma ne batte molte altre in longevità. Da quando gli egizi iniziarono ad applicarlo nel 4000 a.C., il trucco non è mai passato di moda. Da un miscuglio di fuliggine con un minerale chiamato galena ottenevano un composto chiamato kohl usato per scurire e allungare il contorno degli occhi. Sul viso si applicavano invece miscele minerali dall’effetto sbiancante: il trucco non era comunque una preorogativa femminile ma un’usanza unisex usata per rimarcare l’appartenenza a un’alta classe sociale. Si credeva avesse anche una funzione terapeutica e proteggesse gli occhi da varie infezioni e dal riverbero del sole. Il tipico tratto allungato verso l’esterno aveva un significato simbolico preciso: richiamava l’amuleto udjat, “l’occhio risanato” del dio falco Horo.

 

 

con_h_9.01028275.900x600

I FOGLI DI PAPIRO. Prima che in Cina nascesse la carta, e mentre in Mesopotamia si scriveva ancora su tavolette d’argilla, gli egizi trovarono il modo di ricavare dal fusto di una pianta acquatica molto comune nel Delta del Nilo un supporto leggero, chiaro e pieghevole che avrebbe rivoluzionato il modo di scrivere. Le strisce strappate dal fusto triangolare della pianta (nella foto) venivano affiancate, pressate, essiccate, con un processo che gli egizi tennero a lungo segreto per avere l’esclusiva commerciale nella distribuzione di questa merce. I fogli accostati e incollati con acqua e farina, potevano poi dar vita a lunghi rotoli. I più antichi papiri mai ritrovati risalgono al III millennio a.C.

 

aratro.900x600

L’ARATRO. L’attrezzo che ha cambiato l’agricoltura è di origine incerta e potrebbe essere apparso contemporaneamente in diverse parti del mondo tra il VI e il V secolo a.C. Quello era però uno strumento leggero, in legno, che a malapena “graffiava” il terreno – ed era trainato da uomini! Le cose cambiarono con la domesticazione dei bovini, iniziata in Mesopotamia nel 6000 a.C. E nel 2000 a.C. gli egizi attaccarono gli aratri prima alle corna del bestiame e poi, in modo più efficace, a lacci collegati agli animali. Questa forma di aratro, ancora leggera, funzionava bene nel terreno limaccioso lasciato dalle periodiche piene del Nilo. L’aratro pesante, in ferro, apparve invece in Francia attorno al 1000 a.C.

 

emsiproduction.900x600

LE MENTINE. L’alimentazione e gli attrezzi utilizzati per ricavare le farine – che lasciavano nel cibo un fastidioso residuo granuloso – contribuivano a fare della salute dentale uno dei punti deboli dell’Antico Egitto. Ascessi, carie e problemi allo smalto erano all’ordine del giorno, come confermano le dentature accidentate trovate in diverse mummie. Uno dei primi sintomi di una cattiva salute dentale è l’alito cattivo: per contrastarlo, gli egizi avevano inventato una pallina gommosa a base di mirra, incenso e cannella bolliti con miele. Un concentrato di spezie dal potere rinfrescante: in pratica, l’antenato delle moderne mentine.

 

denti.900x600

SPAZZOLINO E DENTIFRICIO. I problemi dentali appena citati portarono anche allo sviluppo delle prime forme di spazzolino (un bastoncino di legno dalle estremità frastagliate) e a ben due diverse documentate ricette di dentrifricio. Una, un po’ meno fresca, era base di materiali abrasivi come polvere di zoccoli di bue, ceneri, pietra pomice e guscio d’uovo bruciato. Un’altra formula, trovata scritta su un papiro del IV secolo d.C. (quando l’Egitto era sotto l’occupazione romana) comprendeva sale, menta, grani di pepe triturati e fiore di iris essiccato. La pasta dentrifricia era sistemata anche accanto alle mummie (nella foto, i denti di una di queste), per una rinfrescatina durante il viaggio verso l’Aldilà.

 

bowling.900x600

IL BOWLING. A Narmoutheos, un sito a 90 km a sud del Cairo, ricercatori italiani dell’Università di Pisa hanno portato alla luce i resti della più antica “pista da bowling”. Su un pavimento in limo è stata scoperta una serie di scanalature lunghe circa 4 m con al centro un buco quadrato in cui si suppone si posizionassero i birilli. Nello stesso luogo sono venute alla luce anche due piccole bocce di pietra levigata. L’ipotesi è che nel bowling egizio ci si posizionasse alle due estremità di una pista e si cercasse di abbattere birilli al centro (e non in fondo come nella versione moderna). [Nella foto, palle giocattolo in tessuto di epoca romana rinvenute in Egitto]

 

scott-sherillmix.900x600

LA SERRATURA. Le prime in uso in Egitto 4000 anni prima di Cristo erano di fattura molto semplice: un chiavistello era collegato a perni di legno che potevano essere sollevati da una chiave. L’inserimento di una chiave sollevava i perni che a loro volta consentivano lo scorrimento del chiavistello liberando l’ingresso. Unico neo di questi meccanismi, ripresi successivamente anche dai Romani, erano le dimensioni. Alcuni potevano raggiungere i 60 cm di lunghezza: non esattamente facili da manovrare. Nella foto, una falsa porta nel tempio di Habu, a Luxor (Egitto).

 

con_h_6.01987148.900x600

BARBA E CAPELLI. In un clima torrido come quello dell’Antico Egitto, lo sfoltimento di peli e capelli era una pratica svolta con attenzione maniacale. Il corpo dei sacerdoti doveva essere completamente glabro come simbolo di purezza: l’usanza, per questa classe sociale, era di rasarsi da capo a piedi ogni 3 giorni. Anche per gli uomini comuni la barba incolta era segno di trascuratezza (e riservata ai giorni di lutto). Nacque, sembra, nell’antico Egitto la figura del barbiere, insieme agli attrezzi del mestiere: lame prima di pietra e poi di rame, con manici in legno, con cui radere il viso. Allo stesso tempo una finta barba curata era segno di alta dignità sociale: i sovrani ne indossavano una cerimoniale di lunghezza esuberante e forma squadrata, ricavata con la lana tosata delle pecore.

 

con_h_12.00104300.900x600

L’INCHIOSTRO NERO.Gomme vegetali, cenere e cera d’api erano alla base dell’inchiostro scuro con cui vennero stesi i geroglifici, che ha conservato questi scritti intatti fino ad oggi. L’invenzione dell’inchiostro nero viene fatta risalire proprio agli antichi egizi, che arricchirono comunque i loro scritti anche con pigmenti colorati. Nella foto, la raffigurazione di uno scriba nella tipica posizione di lavoro.

 

con_h_24.427665.900x600

LA CATENA DI MONTAGGIO. In un certo senso gli antichi egizi possono essere considerati i “nonni” delle automobili: furono loro a utilizzare per primi, in modo sistematico, la rigida suddivisione dei compiti lavorativi nella produzione dei cocchi, conosciuti nel 1800 a.C. grazie al popolo di pastori degli Hyksos e dagli egizi perfezionati. Una pittura egizia rinvenuta in una tomba di Tebe evidenzia come la costruzione dei cocchi possa essere considerata la prima catena di montaggio della storia. Più persone con compiti specializzati lavoravano in sequenza ai singoli componenti. Diversi secoli più tardi, gli americani Henry Ford e Frederick Taylor avrebbero completato l’opera.

Precedente Il crescente stato di vigilanza Globale Successivo Referendum 2011? chi se ne frega, il Pd stravolge il disegno di legge sull’acqua pubblica. Viva la democrazia